logo bruni.png

FRATELLI
BRUNI

Per noi il vino e tutto ciò che gli sta intorno è un po’ la storia di famiglia, e siamo davvero grati a nostro nonno e nostro padre per averci educato al gusto fin da piccoli ed averci insegnato a percorrere questo sentiero, un cammino infinito, tanto complesso e faticoso quanto semplice e rasserenante. 

Chianti bruni.jpg

L’argomento vino è complesso e faticoso sì, perché dalla produzione alla degustazione, esso racchiude in se infinite variabili; dal vitigno al vigneto, dalla radice al tralcio, dal raspo all’acino, dalla buccia al vinacciolo, per passare al potenziale del luogo, il clima, il microclima, il suolo e continuare in cantina con la vinificazione, procedimento antico come il mondo ma che richiede immensa conoscenza, fatica fisica e dote sovrannaturale; poi l’affinamento, la scelta del contenitore adatto, il tempo, la capacità di affrontarlo e l’imbottigliamento, con la scelta del vetro, del sughero, dell’etichetta; tutto per raggiungere quel fatidico momento: il cavatappi che affonda il verme e libera il succo, la degustazione, il vero esame finale, dove tutto si svela e tutto si concentra, il bicchiere, l’ambiente, i sentori, i sapori, le note, gli accordi, ma anche lo stato d’animo del momento, l’esperienza personale, i ricordi, la compagnia, il cibo abbinato. Nel vino tutto influisce su tutto ed è influenzato da ogni altra cosa.

Abbiamo però capito anche quanto l’argomento sia semplice e rasserenante, perché in fin dei conti un vino puoi berlo e goderne in pieno, o semplicemente passare alla prossima bottiglia, regalandoti gioia, rendendoti sereno e fiero della tua passione, con quella piccola consapevolezza che per la maggior parte del mondo, in realtà, quello rimarrà solo e soltanto un “bicchiere di vino”.

IMG_1859.JPG

Nonno
Guido

È il 1949 quando Guido Bruni, nostro nonno, fonda la “Casa Vinicola Bruni” a San Gimignano, dove inizia a produrre i famosi fiaschi di Chianti, impagliati a mano dalle donne del paese. 

Negli anni successivi, nostro padre ha proseguito la tradizione continuando ad imbottigliare il Chianti e aprendo due enoteche.

Noi, lo abbiamo sempre seguito fin da piccoli nei suoi viaggi alla scoperta dei vini e dei prodotti gastronomici che ogni volta ci faceva assaggiare, e questa passione ci ha spinto fino ad oggi.

Alberto

Stefano

Alberto-e-Stefano-min.jpg

un'IDEA

Oggi, più che mai, riteniamo giusto valorizzare l’importanza dell’etica alimentare. Intendiamo la sinergia della natura con la Madre Terra come centro del nostro universo. Sostenibilità ambiente, Biologico, Biodinamico, sembrano essere le nuove etichette del buono, per noi la normalità. Vediamo l’alternanza delle stagioni come dono sovrannaturale. Esaltiamo l'agricoltore, l'allevatore e la dignità contadina. Onoriamo l'identità dei territori. Rispettiamo e condividiamo la fatica di chi mette impegno nel lavoro che fa. Dedichiamo tutto il nostro tempo allo studio e alla ricerca di prodotti superlativi, recandoci nei luoghi d'origine e viaggiando senza smettere mai di conoscere ed apprendere.  Questo ci rende fieri del lavoro che portiamo avanti. Per noi quello che davvero conta è far capire ai nostri clienti che ingerire un cibo significa letteralmente assimilarlo, renderlo parte del proprio corpo, assorbendone le proprietà, che siano esse positive o negative. Per questo scegliere cosa assumere deve essere di primaria importanza.  

La consapevolezza di questo è la sola, vera, cultura gastronomica.

Alberto e Stefano